L’intenso,omonimo disco de “El Matador Alegre”

el matador alegre

A cura di John Tag

Una ritmica minimale, una timbrica vocale calda ed avvolgente, anche quando filtrata elettronicamente, una miscela alchemica di suoni che creano atmosfere rarefatte e inebrianti, una sonorità avvolgente che incanta e ti trascina attraverso visioni oniriche, paesaggi mistici ed incontaminati. L’armonia di questa “mistura” non più “scindibile” è sempre variegata, aiutandoci, così, a varcare il limite della nostra fantasia. Parafrasando il grande Ungaretti: “M’illumino d’immenso con un breve moto di sguardi “.

E’ come svegliarsi la mattina ed aprendo la finestra vieni sommerso da una luce soffusa, dal profumo inebriante della terra ancora umida, dai colori intensi di un prato in fiore e dai “suoni” gradevoli di una natura amica. El Matador Alegre cattura così l’attenzione, già al primo ascolto. Sto parlando della sua ultima fatica “El Matador Alegre”, un disco intenso e accattivante, a tratti ipnotico. Questo artista è sicuramente influenzato dal Rock Psichedelico anni 70, dal Pop e dalla New Wave anglosassone anni 80, dal Grunge anni 90, da gruppi come i Japan, dalle atmosfere meno elettriche e meno ritmate di Gary Newman, da un più sognante David Bowie, ma anche da band meno facilmente catalogabili quali i “Calla”, gruppo statunitense indie/alternative rock.

Dodici tracce di grande impatto sonoro ed avvolgenti, tra le quali mi sento di segnalare in particolare:

Same Day Last Year: dolcissima, elegante, la cui voce filtrata si fonde a suoni che avvolgono dolcemente l’ascoltatore, fino a cullarlo in un sonno rigenerante;

Moths: brano molto breve e caratterizzato da un giro armonico di chitarra acustica ripetuto sino al termine, ma che non diventa mai noioso;

New Years: Un suono distorto, a tratti fastidioso che piano piano si apre ad una sonorità semplice e ad una voce armoniosa, ma che tornerà ad essere preponderante verso la fine del brano;

Undercover: piacevolissima ed onirica;

– One Day Left: dove emergono chiare le sonorità dei migliori “Tears for Fears”.

Conclusione: disco da ascoltare con assoluta attenzione e trasporto, solo così potremo apprezzare la musica di “El Matador Alegre“.

http://cabezonrecords.bandcamp.com/album/el-matador-alegre

Tutte le bands interessate ad ottenere recensioni e visibilità sul nostro music blog possono scriverci ed inviare il materiale necessario (audio,video,foto,bio,press kit,links vari) all’indirizzo antipop.project@gmail.com ed essere così inserite su Italy Rock News!!

Annunci

3 commenti

  1. Hey! Someone in my Myspace group shared this site with us
    so I came to give it a look. I’m definitely enjoying the information.
    I’m bookmarking and will be tweeting this to my followers!
    Excellent blog and superb design and style.

  2. Hello There. I found your weblog the use of msn. This is a very
    neatly written article. I’ll make sure to bookmark it and return to learn extra of your helpful info. Thanks for the post. I will definitely comeback.

  3. Hello, i think that i saw you visited my blog thus i came to
    “return the favor”.I’m attempting to find things to enhance my site!I suppose its ok to use a few of your ideas!!


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Segui assieme ad altri 6.621 follower