Roberto Diana: le sei corde divinamente suonate che corroborano

A Cura di Nick Belane

Parafrasando il maestro Battiato credo che sia indubbio che oramai siamo circondati da immondizie musicali, e solo ben scrutando il panorama, soprattutto quello casalingo, ci troviamo di fronte ad eccezioni.

Ebbene cari amici che leggete siamo di fronte ad una di esse.

Volete una dritta? Sdraiatevi sul divano, prendete un bicchiere di vino e preparatevi a questo viaggio introspettivo perché è quello che accadrà non appena inizierete l’ascolto di “Raighes Vol.1”, il primo disco solista di Roberto Diana, musicista sardo polistrumentista (qui trovate tutte le notizie che occorrono www.robertodiana.net ), che per questa prima prova sceglie di cimentarsi con un “conceptalbum strumentale che si sviluppa attorno al tema delle radici (in dialetto sardo appunto “Raighes” ). Radici che a detta dell’autore ,e sottoscritto da chi vi scrive, sono le uniche cose che non ci lasceranno mai, qualsiasi cosa accada nel nostro viaggio, qualsiasi strada prenderemo.

Il disco si compone di due parti: Vol1, suonato con strumenti acustici che stimolano con successo la percezione acustica dell’ascoltatore e assicurano una confortevole esperienza emotiva, la seconda Vol2 sarà incisa in versione elettrica in modo da raggiungere quella fetta di musicofili che non rinunciano ad un sound più graffiante.

Raighes Vol 1” si compone di 9 tracce. E’ un album conturbante e introverso che evoca la sensibilità sia artistica che umana dell’autore. In questo disco il ruolo gli strumenti non è soltanto quello di suonare bensì quello di recitare, declamare versi e trasmettere all’attento ascoltatore i pensieri e i sentimenti nascosti in quegli enormi riccioli che sovrastano la geniale testa di Roberto. Il disco, ricco di preziosi virtuosismi e leziosi giri armonici, farà gioire le orecchie degli ascoltatori e susciterà in voi emozioni spontanee. Album a tratti malinconico e ricco di analisi interiore secondo me non adatto a tutti i palati; alcune tracce non sono proprio “facili”, ma nonostante ciò i pezzi sono veramente “gustosi”. Se siete alla ricerca di un sound incantevole allora le vostre ricerche finiscono qui.

Lasciatevi coccolare dalle corde. Cordialmente

Nick Belane

http://robertodiana.altervista.org/

Tutte le rock bands interessate a recensioni,promozione di eventi e pubblicità sul nostro music blog possono scriverci ed inviare il materiale necessario (audio,video,bio,press kit, links vari) all’indirizzo antipop.project@gmail.com ed essere così inserite su Italy Rock News!!

Annunci

“L.S.D”: trash metal in onda su Rockradio Skultura

                                                   Rockradio SculturaNuova puntata di L.S.D.: puntata dedicata questa volta a quattro bands storiche del trash metal internazionale ed italiano. In onda su Rockradio SkulturaL.s.d” è condotto dal dj Daniele, pugliese, voce pastosa, stile “pressing”/conduttore di programmi sportivi su sky”.

  • Machine Head
  • Metallica
  • Pantera
  • Extrema 

Potete scriverci, commentare, offenderci qui o su:
antipop.project@gmail.com o seguirci sul nostro twitter @radio_skultura

Per non perdervi il podcast di “L.S.D”  e la sua nuova puntata dedicata alle bands trash metal italiane ed internazionali andate su:

http://www.spreaker.com/user/rockradioskultura/l_s_d_trash_metal_in_onda

https://soundcloud.com/rossodalmata/rockradioskultura-l-s-d-trash

Borz: molto più di un joker truccato

https://i2.wp.com/sphotos-a.xx.fbcdn.net/hphotos-ash4/c100.0.403.403/p403x403/479899_3969023025788_885602364_n.jpg

Il Joker, con il volto truccato di bianco, rosso e nero, da sempre se lo porta dentro. Quasi fosse una magia reale, una metamorfosi fumettistica naturale, una immagine solida all’incontrario che si riflette “dietro” lo specchio dell’ipocrisia, di quella ipocrisia sociale e moderna che vuole imporre decisamente la felicità ad ogni costo. E la deride, la deride continuamente con una sorta di rito dalla gestualità teatrale, quasi uno stregone, uno sciamano nel cerchio magico colorato dentro il quale nessuno ha il coraggio di entrare, anche se fortemente tentato dal farlo ad ogni costo.E così, in modo del tutto naturale, con un po’ di crema bianca per la pelle, la cenere disigaretta per gli occhi, il rossetto della moglie per la bocca, nasce la favola reale del bruco che diventa farfalla:Borz, l’Electroclown Anni 80 bianco-rosso-nero, si presenta oggi in scena con una maschera fumettistica di cerone bianco sul volto, gli occhi cerchiati bianco-neri panda-like, rossetto rosso carminio intenzionalmente sbaffato.

Ma questa, dicevamo, è solo l’immagine riflessa al contrario del personaggio astratto, ma solo di poco, non convenzionale. Dietro, in realtà, c’è sempre presente l’anti-eroe pieno di energia musicale che propone una accattivante e frizzante miscela esplosiva fatta di disco, house e punk in lingua italiana. Una sorta di caleidoscopio elettronico cangiante che sincronizza, con estrema precisione millimetrica, un progetto sonoro costruito con loops,
batterie elettroniche, suoni energetici di chitarre non distorte ed ambiente ritmico anni ’80.

Già, nessuno di noi voleva scendere dalla giostra degli anni ’80. Tutto quello che si percepiva era magico, sognante ed invogliava ad osare involuzioni musicali, a mescolare ali, radici e suoni differenti, a costruire rappresentazioni sonore di vita personale con scene di gioia, dolore, allegria, pazzia e voglia di vivere all’infinito in una spirale sempre
più evolutiva. Mai scendere alla prossima fermata …

L’Electroclown si è autogenerato e, con la sua band JokerBoyz, ci invita a salire sull’astronave sonora dell’ electropop per un viaggio verso Alpha Centauri. E noi, dagli oblò sagomati a forma di pentagramma, osserviamo le meteoriti musicali di Rettore, Decibel,CCCP e Bertè che ci sfiorano con le loro code fiammate. Ma non abbiamo timore : una
risata ci salverà !        Microbass

Andrea Borghi, Borz, è un musicista e cantante modenese nato dalle sonorità crude e semplici della subcultura Punk-Rock emiliana.Capitano indiscusso della storica band Kilowater, spalla e collaboratore dei Punkreas, Shandon, Linea 77 e con ben 5 album auto prodotti alle spalle si è sempre dedicato al punk fino al 2011 quando ha iniziato un progetto autonomo, con sonorità completamente nuove.Supportato da potenti e incalzanti musiche elettroniche, l’electroclown canta e recita il proprio personaggio non dimenticando mai la propria formazione musicale fatta di fraseggi di Punk-Rock. Una grande band al seguito per un grande progetto. Due ore di musica per un mix alternativo e coinvolgente che insieme agli inediti dell’artista, ripercorre i grandi brani italiani e stranieri.

Dopo aver capitanato per anni la celebre punk band Modenese “KILOWATER”, facendo da spalla a PUNKREAS,SHANDON,LINEA77 e con ben 5 album autoprodotti alle spalle, nel 2011 il bassista e cantante emiliano Andrea Borghi si lancia nel suo primo progetto solista “BORZ”. Ispirando il suo personaggio ad un joker fumettistico, BORZ crea il suo mondo teatrale e musicale, in cui si pone al centro della scena come simbolo dell’ipocrisia di una società che impone la felicità ad ogni costo. Con la sua band, sperimenta sonorità elettroniche mixate con abbondanti dosi di chitarre punk e cerone bianco e il risultato non tarda ad arrivare: un vibrante Electropop.Nel 2012, dopo solo un anno dall’inizio del progetto, esce “Electroclown” il primo e rappresentativo singolo di questo nuovo progetto musicale in cui l’evoluzione dell’artista verso nuove sonorità è evidente. In attesa dell’uscita del suo album entro la fine dell’anno, Borz ha aperto la stagione estiva dei suoi concerti presentando il suo secondo singolo “Anni ‘80” al Mr. Muzic OFF.

Roberto Diana – Miscela di espressioni e sonorità a sei corde

Roberto Diana: tecnico del suono, produttore, endorser e polistrumentista capace di suonare qualunque strumento dotato di corde (chitarra acustica & elettrica, lap-steel, dobro, weissenborn) si è creato una solida esperienza in studio collaborando con musicisti della scena internazionale del calibro di Steve Lukather, Tony Levin, Vinnie Colaiuta, Frank Gambale, Simon Phillips. Nel 2009, al NAMM SHOW di Los Angeles, viene presentata la chitarra “Twilight 001/09 Roberto Diana Signature” creata dalla liuteria MN Guitars su sue specifiche. Leggo alcuni titoli del CD “Raighes Vol. 1” (distribuito dalla I.R.D. ), “If You Are Happy, “ In My Mind, Prayer”, “Soul Hunter”, e cerco nelle pieghe del mio cervello la traduzione di Raighes, senza trovarla. Certo, il giovane chitarrista sardo ha inteso omaggiare la sua terra d’origine intitolando il suo concept-album strumentale, appunto,Raighes (Radici, in lingua sarda): un delicato mosaico rigorosamente acustico sempre sospeso nell’anima intimistica dell’ eterno vagabondo. In giro con i suoi sogni che lo spingono sempre più lontano, nella leggera inconsistenza dell’ignoto, sempre in cerca di nuove figure e personaggi nelle scene quotidiane di vita, dei ricordi, delle sensazioni passate, presenti e future, le sue dite virtuose sono una proiezione della mente musicale, una sorta di ottavo senso che si diffonde dalle stesse radici che lo hanno generato.Il lungo viaggio musicale si snoda in un percorso di nove tappe, i nove brani dai quali non ci si si allontana mai a sufficienza per “dimenticarli a memoria”: ci tengono sempre ancorati al punto di partenza, qualunque sia l’autostrada emozionale che abbiamo deciso di percorrere. Non è new-age, non è blues, non è easy-folk, non è ispanic-guitar, non è ambient-music: è una miscela di espressioni e sonorità a sei corde che prendono corpo dalla musica tradizionale della sua terra (ecco che ritornano le “raighes” …) che si mixano con i suoni e melodie mediterranee per approdare, infine, in un collage personalissimo nel quale, comunque, si intravedono le tessiture cromatiche di Leo Kottke, Ry Cooder, Bruce Cockbourn, Tommy Emmanuel ed i nostri Riccardo Zappa e Pietro Nobile. Il fingerstyle ed il progressive-picking giocati nei brani acustici dell’album (il Vol. 2 sarà elettrico) accarezzano le sei corde e poi le pizzicano e percuotono con una maturità musicale tale da non osteggiare lo spazio riservato al virtuosismo (è, comunque, ce n’è tanto …) narcisistico: l’unico regalo che ci resta da ammirare nella vetrina scintillante è quel caleidoscopio fatto di melodia, fantasia e poesia. Ascoltare brani come “Coffee Break” (imperdibile il video girato a Bologna), “If You Are Happy”, “In My Mind”, “Move On”, “Prayer” e “Soul Unter” è come salire sulla giostra dei cavalli colorati con tante luci, suoni e specchi rotanti, dalla quale non si vorrebbe mai scendere per non smettere mai di sognare. Alla fine del girotondo, però, troviamo un cartello con la scritta “vietato calpestare i sogni“. Firmato: Roberto Diana. Microbass

  • Segui assieme ad altri 6.621 follower

  • RSS italy_rock_news

    • La Scatola del Male, il nuovo album dei Siranda è adesso fuori! gennaio 12, 2016
        Tra critica sociale e passione, dalla canzone d’autore al prog passando per il rock alternativo: la band siciliana presenta il suo primo full lenght in studio. I Siranda presentano il loro primo full lenght dal titolo “La Scatola Del Male”, ufficialmente in uscita l’11 gennaio 2016 e disponibile dal 31 ottobre 2015 su tutti i digital stores […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mainstream, il nuovo singolo di Anto Paga dicembre 21, 2015
      Dopo il fortunato EP d’esordio “Rap is Dead” (Great Tree Records, 2015), l’artista comasco torna con un brano scritto a quattro mani con Tormento, celebre ex frontman dei Sottotono, che si scaglia con rabbia e sincerità contro l’establishment delle case discografiche e una logica del profitto che ha ridotto la musica a decorso di mode […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • DAP,ecco il suo “Resonances” ottobre 18, 2015
      Resonances è il primo album di DAP (Andrea D’Apolito), giovane cantautore romano dal sound eclettico, di stampo nordeuropeo. L’album ha un sapore folk, indie nella misura in cui è stato prodotto in modo indipendente ed è caratterizzato da arrangiamenti raffinati ma allo stesso tempo altamente fruibili. Mentre il sound distintivo del disco fa da fil […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • A Free Mama, la trascinante funk band toscana presenta il suo nuovo disco! ottobre 18, 2015
      Era il dicembre 2012 e gli A Free Mama pubblicavano il loro primo disco omonimo, un album contenente otto tracce registrato nello storico studio Larione10. I sei fiorentini si presentavano così, attraverso una musica che affondava le radici nel funk, con venature rock e dalle chiare influenze acid jazz. Oggi, a tre anni di distanza, […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Il 4 ottobre Danilo Vignola premiato al M.E.I. di Faenza! settembre 30, 2015
      Faenza- Il M.E.I., la più importante manifestazione dedicata alla nuova scena musicale italiana che da oltre vent’anni riunisce tutte le più autorevoli etichette discografiche indipendenti nazionali, sabato 4 ottobre premierà Danilo Vignola. Dopo un sondaggio nazionale su proposta delle etichette discografiche nazionali riunite, il celebre talento riceverà i […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Nick Limongi e il suo esordio con “Tentacoli” settembre 15, 2015
      Il giovane artista calabro-lucano si presenta al pubblico con un lavoro dalla forte matrice rock-grunge, in cui non mancano incursioni nel panorama nu metal ed elettronico. Genere: rock/grunge/nu metal Label: Autoproduzione Distribuzione digitale: TuneCore Soundcloud: https://soundcloud.com/nick-limongi/sets/tentacoli-ep Spotify: https://open.spotify.com/alb […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Pachanga Latina in Italia: ecco ¡Grita La Noche!, nuovo album dei Pedro Navaja SoundMachine. maggio 26, 2015
      Fusione di stili, ritmi e sonorità latinoamericane (dalla cumbia al reggae, dallo ska al raggamuffin, dal tango alla tarantella, dal flamenco al punk rock) nel nuovo album di questa band dai marcati tratti multietnici. genere: pachanga/cumbia/reggae/ska/punk Streaming: http://open.spotify.com/album/3WKmXaQGLY1oGYAsUhUT0P Il sound dei Pedro Navaja (nome che è […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mom Blaster, il video di “Ciò che è Giusto” maggio 16, 2015
      A due anni dalla pubblicazione del primo album We Can Do It!, il gruppo lancianese torna con un nuovo brano che anticipa il disco previsto per autunno 2015. Genere: rock/elettronica Etichetta: Ridens Records Distribuzione digitale: Zimbalam Streaming:http://open.spotify.com/album/5siq9EhlaIIG4R7bEcH0gI http://www.momblaster.com/singolo/ iTunes:https://itunes […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • No.Ta, il nuovo video “Dimentica” aprile 28, 2015
      Esce il nuovo video estratto dall’album “Siamo Stati Noi”, che anticipa una serie di singoli che vedrà il gruppo rock di stanza a Milano protagonista per tutto il 2015. Genere: Indie/Alt//Rock Distribuzione digitale: Zimbalam NO.TA – Dimentica https://www.youtube.com/watch?v=4gm48bbtMSo È finalmente disponibile il videoclip ufficiale di Dimentica, brano trat […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Sewage: a giugno in Italia per il tour europeo con i The Butchers!! aprile 21, 2015
      I punkers newyorkesi per la prima volta nel nostro paese con una serie di date tra giugno e luglio nelle quali saranno affiancati dal gruppo varesotto. genere: punk-rock Link Streaming Sewage: http://www.reverbnation.com/sewage4 Link Streaming The Butchers: http://open.spotify.com/album/4kDC3tdrxXxU6sv6Iyy0A7 Verrà inaugurato il 5 giugno 2015 @ Lab End di Sa […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
  • Aggiornamenti Twitter

  • Rock Community

  • Meta

  • [spreaker user_id=4578234 type=standard width=100% color=c92b00 autoplay=true]