Gli alfieri del New Beat italiano: I Valium

La band new beat salernitana I Valium

A cura di Marianna Alvarenz

I Valium, direttamente dalla provincia di Salerno, sono : Marco Sabino (voce e chitarra), Luigi Sabino (chitarra e voce), Mariano Lepore (basso), Davide Maresca (batteria).

C’è chi li definisce dei rockettari vintage strappati ai favolosi sixties, chi ancora gli ultimi restanti New Beat; vero è che la band guarda oltremanica, ispirandosi e subendo attivamente le influenze di Beatles, Rolling Stones, The Who e tutto il buon made in England. Il tessuto musicale dei loro brani, rigorosamente in italiano, si colora degli arnesi classici del rock: chitarra, basso e batteria, ma non aggiunge nulla dei loro predecessori anni ’60: né tastiere, né ottoni , né legni. Il loro ultimo album, Revolution, secondo disco in studio, composto da 12 tracce, è una folle sarabanda di ritmi, melodie e distorsioni, esaltato dalle qualità tecniche e dalla straordinaria carica della band.

Carica e grinta che si notano subito in “Razor”, per nulla romantico e caratterizzato dall’acutezza polemica, ben filtrata dalle distorsioni , con un intro che fa gola; ben dispiegato sulla batteria, e lisergico quanto basta nel bel mezzo. “15 Anni” , di cui il 16 Dicembre scorso è uscito il videoclip ufficiale su YouTube che ha raggiunto le oltre 30.000 visite in meno di 3 settimane, celebra l’epoca delle prime pippe mentali di un certo calibro, descritta da un rock mutante e un video, appunto, che accende le fantasie più bollenti, tra melodie orecchiabili e la giusta armonia vocale. Ritmi veloci e cadenzati li troviamo in “L’uomo che avvolge i sogni”, che ci riporta a spasso per gli anni ’60, grazie a quelle chitarre un po’ beatlesiane, articolato e semplice. Il ricalco di stilemi musicali ed estetici della “Swinging London” lo ritroviamo in “Cuore di Rubik”, la giusta sonorità e quella schitarrata elettrica che tanto ci piace, si dimena tra selvaggi arrangiamenti. “Giochi perfetti” celebra come non mai i Beatles, senza perdere di originalità artistica che imperversa in tutto l’album.

Revolution, orecchiabile nella sua irruenza, cosparso di febbrile eccitazione, permea le speranze future della band salernitana, che vanta già un sostanzioso gruppo di fans in tutta Italia, proprio quello che ci vuole per scuotere dalle fondamenta il compassato panorama del pop-rock italiano.

http://www.valium.it/

https://www.facebook.com/ivalium

https://soundcloud.com/ivalium/sets/i-valium-revolution

UKI: la nuova irriverente webzine italiana di ControCultura e ControInformazione.

Il logo di ukizero.com

Alla scoperta dei UKI, la nuova rivista on-line italiana dedicata alle numerose forme di intrattenimento: arte, musica, cinema, letteratura, teatro, poesia e molto altro..Argomenti trattati con un taglio “irriverente” e grafica in costante “evoluzione”, al passo con i tempi….

Uki è un portale di controcultura, sottoforma di webzine multi-autore, nato con l’intento di offrire soluzioni attinenti l’entertainment telematico in tutte le sue forme.

La filosofia editoriale è orientata da una visione biocentrica del “Naturalismo” distinta da un’attività di blogging graffiante ed irriverente sull’attualità.

La cornice estetica è ispirata dal concetto “cibernetico” di evoluzione, nell’antitesi tra natura e artificialità, evocato attraverso nuovi linguaggi, stili e suoni della scena contemporanea. 

Uki tratta di espressioni di vita alternative, contaminazioni artistiche, evoluzioni di correnti e tendenze attraverso quattro rubriche tematiche: 

1. “CULTURAMA”: Fatti ed eventi di attualità internazionale e cultura, costume e società, scienze e pseudoscienze, dottrine olistiche ed esoteriche, lifestyle, news dalla rete…;

2. “LE MUSE”: Arte e cultura dal mondo al locale: musica, cinema, arte, letteratura, teatro, contaminazioni artistiche, ecc… ;

3. “CONTROINFO”: Informazione alternativa, disinformazione…;

4. “PORNOCOOLTURE”: La cultura erotica vista come chiave di lettura del costume dei nostri tempi. 

Inoltre, abbiamo tre sezioni speciali:

 “PAR-H-OLE”: Racconti brevi; storie o brevi romanzi, poesie e scrittura creativa;

 “REPORT”: Live report su concerti, mostre d’arte, shooting fotografici, ecc…;

 “CONTEST”: Concorsi a tema sponsorizzati o promossi da Uki. 

Infine, abbiamo altre due rassegne speciali:

 Tutti i “Trailers” dei film in uscita nelle sale e recensioni esclusive con “Anteprime stampa” nazionali;

Gli “Eventi” e i “live” più trendy dall’Italia, soprattutto di Roma e provincia.

Grazie alla giusta combinazione di marketing, coolness e appeal, il portale ha ormai raggiunto consistenti risultati in qualità di “frequenza”, “copertura netta” e “penetrazione” oltre a un notevole numero, nell’ordine delle migliaia, di “visitatori” unici. 

INSIGHTS:

15.000 “visite” in media al mese;

45.000 visualizzazioni di pagina in media al mese;

75% di “nuovi” utenti compongono il flusso di visitatori;

30% è il traffico diretto – Il 45% proviene dai referral della rete dei nostri social network – Il 25% arriva al sito attraverso le indicizzazioni sui motori di ricerca;

Oltre 10.000 contatti/amici dalla rete dei social network più quella degli autori e dei bloggers;

 La maggior parte del traffico proviene dalla città di Roma, per poi distribuirsi su tutto il resto d’Italia. 

La maggior parte dei lettori (41%) vanno dai 25 ai 34 anni di età – La seconda fascia più numerosa (22%) è quella che va dai 18 ai 24 anni – Il resto si distribuisce in altre fasce soprattutto tra i 35 e i 44 anni – Abbiamo un +5% di utenze femminili rispetto a quelle maschili.

UKI è giornalismo, servizi e advertising allo stesso tempo.

L’Advertising di Uki è un’alternativa ai media tradizionali capace di centrare il target di riferimento

con un forte ritorno in termini di immagine e di brand awarness. 

Contatti:

http://www.ukizero.com/

https://www.facebook.com/UKIzero.com.webportal

https://twitter.com/UKIzero

“Mandela” : disco d’esordio dell’omonima band vicentina.

Mandela, album di debutto dell'omonimo gruppo veneto

A cura di John Tag

I Mandela sono un gruppo vicentino formatosi nel 2010 ed è composto attualmente da sei elementi: Matteo Scalchi alla chitarra, Diego Di Carlo al basso elettrico, Edoardo Maggiolo alla batteria, Marco Billo alle tastiere, Sean Lucariello ai fiati, Elia Gamba al piano (entrato nel gruppo recentemente e successivamente all’uscita del disco). Dopo circa 3 anni dalla loro nascita e dopo aver suonato tantissimo insieme, i Mandela realizzano il loro primo ed omonimo album.

Devo dire che già dal primo ascolto il disco dei Mandela, come raramente mi accade, ha rapito e non poco la mia attenzione. A volte il loro suono ha un sapore vintage e la cosa sicuramente non è una nota di demerito anzi, a mio avviso, impreziosisce maggiormente il frutto della loro fatica. Amano il jazz, la world music, la fusion ed il funk e il tutto lo ritroviamo nel loro disco di esordio. Ascoltandolo mi sono tornati alla mente grandi opere e grandi artisti di un passato mai morto: Miles DavisMahavishnu OrchestraBilly Cobham Tommy Bolin, che nel 1973 insieme incisero “stratos”, un disco poi diventato uno dei maggiori punti di riferimento della musica fusion. Il jazz rock Italiano dei “Napoli Centrale”, la musica sperimentale di Battiato dei primi anni ’70 ed il progressive italiano sempre di quegli anni.

Il disco contiene sette tracce e certamente i fiati sono quelli che maggiormente caratterizzano l’anima jazz del gruppo; la prima: Good Morning Mr Prs è una sorta d’ intro della durata di soli 1,36 minuti, in cui possiamo ascoltare la grande capacità di questi ragazzi nel jammare, caratteristica che traspare in quasi tutti i brani del disco; seguono Simple: classicamente fusion con in primo piano una chitarra suonata con il “wah-wah”, tipico effetto utilizzato negli anni 70′ (Tommy Bolin docet); In Seaech Of Teemu: anche questo propriamente fusion; The Flow: d’ispirazione funk; Freebeat: inizialmente un brano jazz, dai toni agghiaccianti ma che nell’ultima parte si apre a suoni più armoniosi e gradevoli, che ti avvolgono e ti trasportano sino quasi alla fine.

Mandela live @Lago Film Fest

Una considerazione a parte la voglio fare per la traccia a mio parere più particolare e che sicuramente mi ha più colpito ovvero Drop The King: inizialmente psichedelica, in cui emergono atmosfere tipiche mediorientali, ma subito dopo un basso incalzante e decisamente rock irrompe senza indugi, un giro armonico che mi ha fatto ripensare all’inciso di un brano del 1968 degli Iron Butterfly, “In A Gadda Da Vida” e più precisamente quella parte che fu utilizzata come sigla dello storico programma radio “Supersonic”. Ma ecco che il basso è subito affiancato da atmosfere epic, da una batteria martellante e dagli immancabili fiati jazz. Il disco chiude con la spagnoleggiante ed orecchiabile etnographi.

In conclusione l’album dei Mandela è un lavoro complesso, accuratamente realizzato, dove le diverse esperienze e i diversi gusti musicali di ciascun componente vengono sapientemente miscelati, formando, così, un’opera di indiscutibile valore.

Voto: 7/10

 

http://mandelastream.bandcamp.com

https://www.facebook.com/Mandelaquintet

Soul Of The Cave – “The Treatment”

A cura di Manuel Polli

Nell’ampio panorama indie-rock italiano (e, più in generale, in quello mondiale) molti sono i gruppi tecnicamente dotati. In un 2013 nel quale è pressoché impossibile inventare qualcosa di clamorosamente nuovo e spiazzante allo stesso tempo, tutti questi gruppi possono essere suddivisi, anche dopo un primo e rapido ascolto, in 2 grandi sottogruppi (a prescindere dal genere): da un lato quelli che si rifanno a band del passato sfiorandone però la copiatura vera e propria, dall’altro quelli che le suddette band le hanno ascoltate, ne hanno appreso gli insegnamenti ma li sfruttano come punti di riferimento da cui partire, mantenendo una propria identità sonora. Cominciamo col dire che i “Soul Of The Cave”, giovane realtà capitolina, appartengono a quest’ultima categoria. The Treament”, il loro ultimo lavoro uscito a Gennaio 2011, porta i segni di una maturazione stilistica evidente rispetto ad “Asphalt”, il loro primo e più istintivo lavoro, uscito nel 2007. Il nu-metal/post-rock di un tempo si fa meno grezzo ed adolescenziale, facendosi contaminare da una cupa psichedelia stoner e lasciandosi graffiare da rumorismi noise, in un crossover potente ed avvolgente, rabbioso e disilluso, con un piacevole retrogusto seventies, conseguenza della produzione in studio totalmente in analogico, “come si faceva una volta”, dettaglio non trascurabile a supporto di quella identità sonora di cui si parlava prima.

Le nove tracce si susseguono senza tregua, riuscendo a fondere ed a racchiudere, nonostante i componenti del gruppo siano solo 3 ( Giacomo Serri: chitarra e voce; Giovanni De Sanctis: basso e voce; Paolo Boni: chitarra) momenti di pura potenza concatenati a fasi venate di uno strisciante senso di inquietudine. L’ energia viscerale dell’iniziale “Foxes & Fruits” non tradisce incertezze: distorsioni acide e riff abrasivi, supportati da una drumming incazzata quanto serve chiariscono subito all’ascoltatore di cosa stiamo parlando. Il cantato si presta molto bene alle diverse atmosfere, passando da caldo ed impostato (inizio “New Sonic Dreamers”) a rabbioso dalle riminiscenze grunge (si sentano gli urli sul finale di “Friend Sheep”) o addirittura assumendo toni quasi beffardi, a-là Jonathan Davis, tra i riff selvaggi di “The Present”. Vanno menzionate anche la strumentale “Muddle”, con la chitarra che si fa languida e rilassata, lanciando folate post-rock, la title track “ The Treament”, ballata oscura ed introspettiva inclusa nella colonna sonora della web-fiction “Freak!” e la conclusiva “Azathot”, secondo episodio strumentale la cui ultima e potentissima deflagrazione chiude degnamente un buon disco.  

Giovani ed appassionati, i “Soul Of The Cave” hanno tutte le carte in regola per evolvere e migliorare ancora. Da seguire.

http://www.soulofthecave.com/

https://www.facebook.com/SOTCband

“L.S.D”: trash metal in onda su Rockradio Skultura

                                                   Rockradio SculturaNuova puntata di L.S.D.: puntata dedicata questa volta a quattro bands storiche del trash metal internazionale ed italiano. In onda su Rockradio SkulturaL.s.d” è condotto dal dj Daniele, pugliese, voce pastosa, stile “pressing”/conduttore di programmi sportivi su sky”.

  • Machine Head
  • Metallica
  • Pantera
  • Extrema 

Potete scriverci, commentare, offenderci qui o su:
antipop.project@gmail.com o seguirci sul nostro twitter @radio_skultura

Per non perdervi il podcast di “L.S.D”  e la sua nuova puntata dedicata alle bands trash metal italiane ed internazionali andate su:

http://www.spreaker.com/user/rockradioskultura/l_s_d_trash_metal_in_onda

https://soundcloud.com/rossodalmata/rockradioskultura-l-s-d-trash

Italy Rock News: le 4 date italiane in anteprima dei Baustelle che porteranno in tour con l’orchestra sinfonica il sesto disco “Fantasma” in uscita il 29 Gennaio 2013 – rockit

 

Baustelle, ecco le date dei concerti con l'orchestra sinfonica

Baustelle, ecco le date dei concerti con l’orchestra sinfonica.

 

Borz: molto più di un joker truccato

https://i2.wp.com/sphotos-a.xx.fbcdn.net/hphotos-ash4/c100.0.403.403/p403x403/479899_3969023025788_885602364_n.jpg

Il Joker, con il volto truccato di bianco, rosso e nero, da sempre se lo porta dentro. Quasi fosse una magia reale, una metamorfosi fumettistica naturale, una immagine solida all’incontrario che si riflette “dietro” lo specchio dell’ipocrisia, di quella ipocrisia sociale e moderna che vuole imporre decisamente la felicità ad ogni costo. E la deride, la deride continuamente con una sorta di rito dalla gestualità teatrale, quasi uno stregone, uno sciamano nel cerchio magico colorato dentro il quale nessuno ha il coraggio di entrare, anche se fortemente tentato dal farlo ad ogni costo.E così, in modo del tutto naturale, con un po’ di crema bianca per la pelle, la cenere disigaretta per gli occhi, il rossetto della moglie per la bocca, nasce la favola reale del bruco che diventa farfalla:Borz, l’Electroclown Anni 80 bianco-rosso-nero, si presenta oggi in scena con una maschera fumettistica di cerone bianco sul volto, gli occhi cerchiati bianco-neri panda-like, rossetto rosso carminio intenzionalmente sbaffato.

Ma questa, dicevamo, è solo l’immagine riflessa al contrario del personaggio astratto, ma solo di poco, non convenzionale. Dietro, in realtà, c’è sempre presente l’anti-eroe pieno di energia musicale che propone una accattivante e frizzante miscela esplosiva fatta di disco, house e punk in lingua italiana. Una sorta di caleidoscopio elettronico cangiante che sincronizza, con estrema precisione millimetrica, un progetto sonoro costruito con loops,
batterie elettroniche, suoni energetici di chitarre non distorte ed ambiente ritmico anni ’80.

Già, nessuno di noi voleva scendere dalla giostra degli anni ’80. Tutto quello che si percepiva era magico, sognante ed invogliava ad osare involuzioni musicali, a mescolare ali, radici e suoni differenti, a costruire rappresentazioni sonore di vita personale con scene di gioia, dolore, allegria, pazzia e voglia di vivere all’infinito in una spirale sempre
più evolutiva. Mai scendere alla prossima fermata …

L’Electroclown si è autogenerato e, con la sua band JokerBoyz, ci invita a salire sull’astronave sonora dell’ electropop per un viaggio verso Alpha Centauri. E noi, dagli oblò sagomati a forma di pentagramma, osserviamo le meteoriti musicali di Rettore, Decibel,CCCP e Bertè che ci sfiorano con le loro code fiammate. Ma non abbiamo timore : una
risata ci salverà !        Microbass

Andrea Borghi, Borz, è un musicista e cantante modenese nato dalle sonorità crude e semplici della subcultura Punk-Rock emiliana.Capitano indiscusso della storica band Kilowater, spalla e collaboratore dei Punkreas, Shandon, Linea 77 e con ben 5 album auto prodotti alle spalle si è sempre dedicato al punk fino al 2011 quando ha iniziato un progetto autonomo, con sonorità completamente nuove.Supportato da potenti e incalzanti musiche elettroniche, l’electroclown canta e recita il proprio personaggio non dimenticando mai la propria formazione musicale fatta di fraseggi di Punk-Rock. Una grande band al seguito per un grande progetto. Due ore di musica per un mix alternativo e coinvolgente che insieme agli inediti dell’artista, ripercorre i grandi brani italiani e stranieri.

Dopo aver capitanato per anni la celebre punk band Modenese “KILOWATER”, facendo da spalla a PUNKREAS,SHANDON,LINEA77 e con ben 5 album autoprodotti alle spalle, nel 2011 il bassista e cantante emiliano Andrea Borghi si lancia nel suo primo progetto solista “BORZ”. Ispirando il suo personaggio ad un joker fumettistico, BORZ crea il suo mondo teatrale e musicale, in cui si pone al centro della scena come simbolo dell’ipocrisia di una società che impone la felicità ad ogni costo. Con la sua band, sperimenta sonorità elettroniche mixate con abbondanti dosi di chitarre punk e cerone bianco e il risultato non tarda ad arrivare: un vibrante Electropop.Nel 2012, dopo solo un anno dall’inizio del progetto, esce “Electroclown” il primo e rappresentativo singolo di questo nuovo progetto musicale in cui l’evoluzione dell’artista verso nuove sonorità è evidente. In attesa dell’uscita del suo album entro la fine dell’anno, Borz ha aperto la stagione estiva dei suoi concerti presentando il suo secondo singolo “Anni ‘80” al Mr. Muzic OFF.

  • Segui assieme ad altri 6.621 follower

  • RSS italy_rock_news

    • La Scatola del Male, il nuovo album dei Siranda è adesso fuori! gennaio 12, 2016
        Tra critica sociale e passione, dalla canzone d’autore al prog passando per il rock alternativo: la band siciliana presenta il suo primo full lenght in studio. I Siranda presentano il loro primo full lenght dal titolo “La Scatola Del Male”, ufficialmente in uscita l’11 gennaio 2016 e disponibile dal 31 ottobre 2015 su tutti i digital stores […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mainstream, il nuovo singolo di Anto Paga dicembre 21, 2015
      Dopo il fortunato EP d’esordio “Rap is Dead” (Great Tree Records, 2015), l’artista comasco torna con un brano scritto a quattro mani con Tormento, celebre ex frontman dei Sottotono, che si scaglia con rabbia e sincerità contro l’establishment delle case discografiche e una logica del profitto che ha ridotto la musica a decorso di mode […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • DAP,ecco il suo “Resonances” ottobre 18, 2015
      Resonances è il primo album di DAP (Andrea D’Apolito), giovane cantautore romano dal sound eclettico, di stampo nordeuropeo. L’album ha un sapore folk, indie nella misura in cui è stato prodotto in modo indipendente ed è caratterizzato da arrangiamenti raffinati ma allo stesso tempo altamente fruibili. Mentre il sound distintivo del disco fa da fil […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • A Free Mama, la trascinante funk band toscana presenta il suo nuovo disco! ottobre 18, 2015
      Era il dicembre 2012 e gli A Free Mama pubblicavano il loro primo disco omonimo, un album contenente otto tracce registrato nello storico studio Larione10. I sei fiorentini si presentavano così, attraverso una musica che affondava le radici nel funk, con venature rock e dalle chiare influenze acid jazz. Oggi, a tre anni di distanza, […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Il 4 ottobre Danilo Vignola premiato al M.E.I. di Faenza! settembre 30, 2015
      Faenza- Il M.E.I., la più importante manifestazione dedicata alla nuova scena musicale italiana che da oltre vent’anni riunisce tutte le più autorevoli etichette discografiche indipendenti nazionali, sabato 4 ottobre premierà Danilo Vignola. Dopo un sondaggio nazionale su proposta delle etichette discografiche nazionali riunite, il celebre talento riceverà i […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Nick Limongi e il suo esordio con “Tentacoli” settembre 15, 2015
      Il giovane artista calabro-lucano si presenta al pubblico con un lavoro dalla forte matrice rock-grunge, in cui non mancano incursioni nel panorama nu metal ed elettronico. Genere: rock/grunge/nu metal Label: Autoproduzione Distribuzione digitale: TuneCore Soundcloud: https://soundcloud.com/nick-limongi/sets/tentacoli-ep Spotify: https://open.spotify.com/alb […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Pachanga Latina in Italia: ecco ¡Grita La Noche!, nuovo album dei Pedro Navaja SoundMachine. maggio 26, 2015
      Fusione di stili, ritmi e sonorità latinoamericane (dalla cumbia al reggae, dallo ska al raggamuffin, dal tango alla tarantella, dal flamenco al punk rock) nel nuovo album di questa band dai marcati tratti multietnici. genere: pachanga/cumbia/reggae/ska/punk Streaming: http://open.spotify.com/album/3WKmXaQGLY1oGYAsUhUT0P Il sound dei Pedro Navaja (nome che è […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mom Blaster, il video di “Ciò che è Giusto” maggio 16, 2015
      A due anni dalla pubblicazione del primo album We Can Do It!, il gruppo lancianese torna con un nuovo brano che anticipa il disco previsto per autunno 2015. Genere: rock/elettronica Etichetta: Ridens Records Distribuzione digitale: Zimbalam Streaming:http://open.spotify.com/album/5siq9EhlaIIG4R7bEcH0gI http://www.momblaster.com/singolo/ iTunes:https://itunes […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • No.Ta, il nuovo video “Dimentica” aprile 28, 2015
      Esce il nuovo video estratto dall’album “Siamo Stati Noi”, che anticipa una serie di singoli che vedrà il gruppo rock di stanza a Milano protagonista per tutto il 2015. Genere: Indie/Alt//Rock Distribuzione digitale: Zimbalam NO.TA – Dimentica https://www.youtube.com/watch?v=4gm48bbtMSo È finalmente disponibile il videoclip ufficiale di Dimentica, brano trat […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Sewage: a giugno in Italia per il tour europeo con i The Butchers!! aprile 21, 2015
      I punkers newyorkesi per la prima volta nel nostro paese con una serie di date tra giugno e luglio nelle quali saranno affiancati dal gruppo varesotto. genere: punk-rock Link Streaming Sewage: http://www.reverbnation.com/sewage4 Link Streaming The Butchers: http://open.spotify.com/album/4kDC3tdrxXxU6sv6Iyy0A7 Verrà inaugurato il 5 giugno 2015 @ Lab End di Sa […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
  • Aggiornamenti Twitter

  • Rock Community

  • Meta

  • [spreaker user_id=4578234 type=standard width=100% color=c92b00 autoplay=true]