Il nuovo album live dei bolognesi PropheXy: “Improvviso”

Uscito il nuovo disco live dei PropheXy:

A cura di B.B (non sono Brigitte..)

A quattro anni da Alconauta (2009), i bolognesi Prophexytornano coraggiosamente con un nuovo disco intitolato “Improvviso”(2013, Musea Records). Registrato a Vicenza dal vivo, l’album, sebbene non sia ancora un nuovo lavoro in studio, contiene già i brani inediti che dovrebbero seguire le nuove interpretazioni di “Tritone”, “Babba” e “C’è Vite Sulla Luna?”, presenti su Alconauta. “Improvviso” vede anche due bonus tracks con l’apparizione di Richard Sinclair, icona del “Canterbury Sound”, il quale nel 2011 porta la band sui palchi prestigiosi del “Naima Club” di Forlì e del “We Love Vintage Festival”.

Certo ormai si sa, la musica dei Prophexy o si ama o si odia e anche questo è un prodotto per gli amanti del progressive rock più estremo e sperimentale. Sui nove brani non manca niente per far rivivere la grande tradizione di questo genere: complessità, perfezione d’esecuzione, elaborate improvvisazioni, duetti chitarra-organo, melodie psichedeliche e ipnotiche deviazioni del flauto.

La copertina di "Improvviso", nuovo album live dei bolognesi PropheXy

“Improvviso” si apre con una nuova versione di “Tritone” mentre le tre nuove tracce sono “La Rotonda Della Memoria”, “Stralci Di Quotidiano” e “Paradigmi Mentali”, dei quali ci hanno convinto di più gli otto minuti della rilassante “Stralci Di Quotidiano”, con un memorabile tema alla chitarra. Il disco finisce con la partecipazione di Richard Sinclair, su due pezzi storici dei “Caravan”: “Disassociation” e “Golf Girl”.

Tra il primo autoprodotto Enforce Evolve (2003) e Alconauta sono passati ben sei anni, ci auguriamo che per il prossimo LP non debba farci aspettare tanto a lungo, mentre ai ragazzi invece un buon lavoro in studio!

http://www.prophexy.com/

https://www.facebook.com/PropheXyBand

https://soundcloud.com/prophexy

http://www.youtube.com/prophexyband

“Mandela” : disco d’esordio dell’omonima band vicentina.

Mandela, album di debutto dell'omonimo gruppo veneto

A cura di John Tag

I Mandela sono un gruppo vicentino formatosi nel 2010 ed è composto attualmente da sei elementi: Matteo Scalchi alla chitarra, Diego Di Carlo al basso elettrico, Edoardo Maggiolo alla batteria, Marco Billo alle tastiere, Sean Lucariello ai fiati, Elia Gamba al piano (entrato nel gruppo recentemente e successivamente all’uscita del disco). Dopo circa 3 anni dalla loro nascita e dopo aver suonato tantissimo insieme, i Mandela realizzano il loro primo ed omonimo album.

Devo dire che già dal primo ascolto il disco dei Mandela, come raramente mi accade, ha rapito e non poco la mia attenzione. A volte il loro suono ha un sapore vintage e la cosa sicuramente non è una nota di demerito anzi, a mio avviso, impreziosisce maggiormente il frutto della loro fatica. Amano il jazz, la world music, la fusion ed il funk e il tutto lo ritroviamo nel loro disco di esordio. Ascoltandolo mi sono tornati alla mente grandi opere e grandi artisti di un passato mai morto: Miles DavisMahavishnu OrchestraBilly Cobham Tommy Bolin, che nel 1973 insieme incisero “stratos”, un disco poi diventato uno dei maggiori punti di riferimento della musica fusion. Il jazz rock Italiano dei “Napoli Centrale”, la musica sperimentale di Battiato dei primi anni ’70 ed il progressive italiano sempre di quegli anni.

Il disco contiene sette tracce e certamente i fiati sono quelli che maggiormente caratterizzano l’anima jazz del gruppo; la prima: Good Morning Mr Prs è una sorta d’ intro della durata di soli 1,36 minuti, in cui possiamo ascoltare la grande capacità di questi ragazzi nel jammare, caratteristica che traspare in quasi tutti i brani del disco; seguono Simple: classicamente fusion con in primo piano una chitarra suonata con il “wah-wah”, tipico effetto utilizzato negli anni 70′ (Tommy Bolin docet); In Seaech Of Teemu: anche questo propriamente fusion; The Flow: d’ispirazione funk; Freebeat: inizialmente un brano jazz, dai toni agghiaccianti ma che nell’ultima parte si apre a suoni più armoniosi e gradevoli, che ti avvolgono e ti trasportano sino quasi alla fine.

Mandela live @Lago Film Fest

Una considerazione a parte la voglio fare per la traccia a mio parere più particolare e che sicuramente mi ha più colpito ovvero Drop The King: inizialmente psichedelica, in cui emergono atmosfere tipiche mediorientali, ma subito dopo un basso incalzante e decisamente rock irrompe senza indugi, un giro armonico che mi ha fatto ripensare all’inciso di un brano del 1968 degli Iron Butterfly, “In A Gadda Da Vida” e più precisamente quella parte che fu utilizzata come sigla dello storico programma radio “Supersonic”. Ma ecco che il basso è subito affiancato da atmosfere epic, da una batteria martellante e dagli immancabili fiati jazz. Il disco chiude con la spagnoleggiante ed orecchiabile etnographi.

In conclusione l’album dei Mandela è un lavoro complesso, accuratamente realizzato, dove le diverse esperienze e i diversi gusti musicali di ciascun componente vengono sapientemente miscelati, formando, così, un’opera di indiscutibile valore.

Voto: 7/10

 

http://mandelastream.bandcamp.com

https://www.facebook.com/Mandelaquintet

LEVI – ” Poveroccidente “

Levi - "Poveroccidente"

A due anni di distanza da Seguimi, i Levi ci sorprendono con un nuovo lavoro, più complesso e stratificato del precedente. Poveroccidente è un segno della maturità e dello “strano” motto dei Levi: “Pop – Rock – Indie – Prog. 4 cose che ci caratterizzano.”

Lo potete scaricare qui: http://www.mediafire.com/download/n51knp81i5kiuwb/Levi_-_Poveroccidente.zip

Tracklist

1) Embrione
2) Poveroccidente
3) Sublime bellezza
4) Dente perdente
5) Verso l’alt(r)o
6) Anima vagante
7) Un’altra via
8) Perla
9) Legno

Registrato e mixato da settembre a dicembre 2012 al PTSD Studio di Porto D’Ascoli (AP) da Matteo Ferdinando Levi, Damiano Cherchi, Mirko Amabili, Cristiano Pagani e Pietro Carlini.
Masterizzato al Massive Arts Studios (MI) a febbraio 2013 da Alberto Cutolo.

Levi.
Matteo Ferdinando Levi — Voce, chitarre, violini e piano
Damiano Cherchi — basso
Mirko Amabili – Batteria

Levi nasce con un cambio di identità e questo accadde nel 2009.
Poi la decisione di coinvolgere in questo cambio anche altri sventurati nel 2010.
Nel frattempo per sbaglio il primo disco a dicembre 2010 “Seguimi”, riesce a raggiungere un po’ in tutta Italia tutto quel pubblico a cui manca il rock indipendente intriso di idee nuove dal respiro internazionale, condito con dei testi che feriscono lentamente, ascolto dopo ascolto.
Il 2011 fuori casa in Tour, nei club d’Italia, a farsi riconoscere e a suonare il disco e altri inediti, che prendono forma e ancora nuove linee compositive.
Ad agosto 2012 si conclude il “Seguimi” Tour a quasi due anni di distanza. Questo perchè Levi ha ingravidato di nuovo la sua musa ispiratrice, che deve necessariamente partorire.
Settembre 2012, si entra in studio e inizia il travaglio fino alla fine dell’anno per il parto cesareo di “Poveroccidente”.
2013 l’anno della nascita del secondogenito, sarà maschio o femmina?
Una cosa è certa: se cercate fuga dalla realtà, testi scanzonati e musichette indie lasciate stare il tasto PLAY, questa non è la vostra scelta.
Piedi bene a terra voi altri che volete scoprire il vero “Poveroccidente”.

Il 29 Aprile è ufficialmente uscito il secondo disco dei Levi “Poveroccidente”.

GUARDA IL VIDEO DI “SUBLIME BELLEZZA”

per richiesta di recensione o di interviste o di immagini ad alta risoluzione:
emanuele.cutpress@gmail.com

per altre info:
matpagnoni@gmail.com

www.reverbnation.com/leviweb
www.facebook.com/leviweb
www.youtube.com/channelevi

 

Intervista ai calabresi Ogun Ferraille

A cura di Lucia Muolo

– C’è un motivo particolare dietro alla scelta del nome?

Mauro(chitarra) – L’abbiamo rubato su Corto Maltese di Hugo Pratt. Cercavamo un nome che non fosse nè in inglese nè in italiano. Poi abbiam scoperto che è una divinità del voodoo.

Marrone (basso)-Vedi su

– Quando siete nati, avevate già l’idea precisa di cosa avreste voluto essere?

Mauro -No. Non credo. Sapevamo solo di non voler copiare nessuno. Di non voler fare musica alla moda. Poi ci sono stati un po’ di avvicendamenti in formazione. Ci hanno aiutato a non copiare noi stessi.

Marrone- No… Avreste un mio vecchio compagno di banco alle medie.

– Quali sono i gruppi che vi hanno particolarmente influenzato?

Mauro – Abbiamo margini di gusti comuni. Direi Motorpsycho e Kyuss ad esempio. Personalmente anche Afghan Whigs e Rage Against The Machine.

Marrone – QOSTA , Il Trio Della Sila E Mario Gualtieri

– I brani nascono da una collaborazione tra voi tre o c’è qualcuno a cui viene affidato un compito specifico? La scrittura dei testi, la composizione musicale etc…

Mauro – I testi finora li ho scritti sempre io, ma solo perché azzardo con l’inglese. Non è una regola. Il resto è lavoro di gruppo. Un’idea e si va. Indipendentemente da chi la porta. Ad esempio almeno 3 riff del disco nuovo sono del batterista!

Marrone – I testi li scrive Mauro per gli amici Mario, per il resto si amalgama tutto da sé….

 Se aveste la possibilità di scegliere qualcuno in particolare a cui far ascoltare il vostro disco, puntereste su di un pubblico vasto di fruitori di musica oppure su degli esperti, magari provenienti da major discografiche?

Mauro – Sicuramente il pubblico. Personalmente, penso che gli esperti stiano facendo un mucchio di danni. Sia quelli delle major che quelli cosiddetti “indie”. Si sente un sacco, ma un sacco di roba pessima.

Marrone – Il pubblico non capisce un cazzo di musica come gli esperti o le major…. Esiste solo gente che ha un po’ più di gusto rispetto ad altri…

– Infine…la parte più bella del vostro “mestiere” ?

Mauro – Suonare dal vivo…ma diventa sempre più difficile. O sei qualcuno o non c’è spazio.

Marrone – Caricare il furgone o scaricarlo , valutare proposte per live a 800 km da casa tua a 100 euro senza cena né pernottamento.

Reverve: ” Cardioattack.o”

A cura di Marianna Alvarenz

Due rane pronte a spiccare il salto prima della galvanizzazione. Questa è la copertina di Cardioattack.o, album italianissimo dei Reverve, tre ragazzi di Carpi, disponibile in MP3, Flac e qualsiasi altro formato, pubblicato il 12 Maggio 2012, in puro stile hardcore melodico e rock alternativo.  

Cardioattack.o”, titolo e ultima traccia, è il succo di tutto l’ep. Il cantato urlato di Alberto Strazzeri ricorda tanto le influenze dei Nirvana, ma è più potente e le sonorità più aggressive, tutta l’anarchia punk che ne vien fuori è pura energia. Non meno spiazzante il punk di “Liquida”, che si diversifica ed estremizza in un caldo hardcore, un approccio di chitarra aggressivo, in una cornice che ricorda ancora una volta i primi Nirvana.

Mi Manca”, che apre l’album (più in stile stoner), enfatizza la batteria di Simone Giari, che picchia duro come un dannato. Ciò che prima era un cromatismo aspro, in “Cappuccetto nel fosso”, si ammorbidisce, almeno all’inizio, in un congedo di intensità pressoché sostenibile; più pacato dei precedenti, ma senza perdere la venatura hard. E per rimanere nelle atmosfere più assorte, gli otto minuti di “Sospite”, ci immergono in un viaggio dai sentieri scuri e inquietanti, scanditi dal geniale basso di Mattia Alrletti; quasi una ballad per dimostrare il lato romantico dei cattivi ragazzi.

I Reverve, protagonisti indiscussi della scena rockettara di Carpi e dintorni, hanno già un percorso ben avviato, avendo aperto i concerti di grandi band del panorama italiano come Giardini di Mirò, Zen Circus e Super Elastic Bubble Plastic. Nel 2011, al trio si aggiunge la terza chitarra di Daniele Rossi. Le influenze passate si sono rivelate ottimi ingredienti per sfornare live distruttivi e per un impegno non indifferente nella non-standardizzazione del grunge, che viene rigettato nella maniera più radicale possibile.

http://www.reverve.it/

https://www.facebook.com/pages/REVERVE/299481472719

Soul Of The Cave – “The Treatment”

A cura di Manuel Polli

Nell’ampio panorama indie-rock italiano (e, più in generale, in quello mondiale) molti sono i gruppi tecnicamente dotati. In un 2013 nel quale è pressoché impossibile inventare qualcosa di clamorosamente nuovo e spiazzante allo stesso tempo, tutti questi gruppi possono essere suddivisi, anche dopo un primo e rapido ascolto, in 2 grandi sottogruppi (a prescindere dal genere): da un lato quelli che si rifanno a band del passato sfiorandone però la copiatura vera e propria, dall’altro quelli che le suddette band le hanno ascoltate, ne hanno appreso gli insegnamenti ma li sfruttano come punti di riferimento da cui partire, mantenendo una propria identità sonora. Cominciamo col dire che i “Soul Of The Cave”, giovane realtà capitolina, appartengono a quest’ultima categoria. The Treament”, il loro ultimo lavoro uscito a Gennaio 2011, porta i segni di una maturazione stilistica evidente rispetto ad “Asphalt”, il loro primo e più istintivo lavoro, uscito nel 2007. Il nu-metal/post-rock di un tempo si fa meno grezzo ed adolescenziale, facendosi contaminare da una cupa psichedelia stoner e lasciandosi graffiare da rumorismi noise, in un crossover potente ed avvolgente, rabbioso e disilluso, con un piacevole retrogusto seventies, conseguenza della produzione in studio totalmente in analogico, “come si faceva una volta”, dettaglio non trascurabile a supporto di quella identità sonora di cui si parlava prima.

Le nove tracce si susseguono senza tregua, riuscendo a fondere ed a racchiudere, nonostante i componenti del gruppo siano solo 3 ( Giacomo Serri: chitarra e voce; Giovanni De Sanctis: basso e voce; Paolo Boni: chitarra) momenti di pura potenza concatenati a fasi venate di uno strisciante senso di inquietudine. L’ energia viscerale dell’iniziale “Foxes & Fruits” non tradisce incertezze: distorsioni acide e riff abrasivi, supportati da una drumming incazzata quanto serve chiariscono subito all’ascoltatore di cosa stiamo parlando. Il cantato si presta molto bene alle diverse atmosfere, passando da caldo ed impostato (inizio “New Sonic Dreamers”) a rabbioso dalle riminiscenze grunge (si sentano gli urli sul finale di “Friend Sheep”) o addirittura assumendo toni quasi beffardi, a-là Jonathan Davis, tra i riff selvaggi di “The Present”. Vanno menzionate anche la strumentale “Muddle”, con la chitarra che si fa languida e rilassata, lanciando folate post-rock, la title track “ The Treament”, ballata oscura ed introspettiva inclusa nella colonna sonora della web-fiction “Freak!” e la conclusiva “Azathot”, secondo episodio strumentale la cui ultima e potentissima deflagrazione chiude degnamente un buon disco.  

Giovani ed appassionati, i “Soul Of The Cave” hanno tutte le carte in regola per evolvere e migliorare ancora. Da seguire.

http://www.soulofthecave.com/

https://www.facebook.com/SOTCband

L’intenso,omonimo disco de “El Matador Alegre”

el matador alegre

A cura di John Tag

Una ritmica minimale, una timbrica vocale calda ed avvolgente, anche quando filtrata elettronicamente, una miscela alchemica di suoni che creano atmosfere rarefatte e inebrianti, una sonorità avvolgente che incanta e ti trascina attraverso visioni oniriche, paesaggi mistici ed incontaminati. L’armonia di questa “mistura” non più “scindibile” è sempre variegata, aiutandoci, così, a varcare il limite della nostra fantasia. Parafrasando il grande Ungaretti: “M’illumino d’immenso con un breve moto di sguardi “.

E’ come svegliarsi la mattina ed aprendo la finestra vieni sommerso da una luce soffusa, dal profumo inebriante della terra ancora umida, dai colori intensi di un prato in fiore e dai “suoni” gradevoli di una natura amica. El Matador Alegre cattura così l’attenzione, già al primo ascolto. Sto parlando della sua ultima fatica “El Matador Alegre”, un disco intenso e accattivante, a tratti ipnotico. Questo artista è sicuramente influenzato dal Rock Psichedelico anni 70, dal Pop e dalla New Wave anglosassone anni 80, dal Grunge anni 90, da gruppi come i Japan, dalle atmosfere meno elettriche e meno ritmate di Gary Newman, da un più sognante David Bowie, ma anche da band meno facilmente catalogabili quali i “Calla”, gruppo statunitense indie/alternative rock.

Dodici tracce di grande impatto sonoro ed avvolgenti, tra le quali mi sento di segnalare in particolare:

Same Day Last Year: dolcissima, elegante, la cui voce filtrata si fonde a suoni che avvolgono dolcemente l’ascoltatore, fino a cullarlo in un sonno rigenerante;

Moths: brano molto breve e caratterizzato da un giro armonico di chitarra acustica ripetuto sino al termine, ma che non diventa mai noioso;

New Years: Un suono distorto, a tratti fastidioso che piano piano si apre ad una sonorità semplice e ad una voce armoniosa, ma che tornerà ad essere preponderante verso la fine del brano;

Undercover: piacevolissima ed onirica;

– One Day Left: dove emergono chiare le sonorità dei migliori “Tears for Fears”.

Conclusione: disco da ascoltare con assoluta attenzione e trasporto, solo così potremo apprezzare la musica di “El Matador Alegre“.

http://cabezonrecords.bandcamp.com/album/el-matador-alegre

Tutte le bands interessate ad ottenere recensioni e visibilità sul nostro music blog possono scriverci ed inviare il materiale necessario (audio,video,foto,bio,press kit,links vari) all’indirizzo antipop.project@gmail.com ed essere così inserite su Italy Rock News!!

  • Segui assieme ad altri 6.621 follower

  • RSS italy_rock_news

    • La Scatola del Male, il nuovo album dei Siranda è adesso fuori! gennaio 12, 2016
        Tra critica sociale e passione, dalla canzone d’autore al prog passando per il rock alternativo: la band siciliana presenta il suo primo full lenght in studio. I Siranda presentano il loro primo full lenght dal titolo “La Scatola Del Male”, ufficialmente in uscita l’11 gennaio 2016 e disponibile dal 31 ottobre 2015 su tutti i digital stores […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mainstream, il nuovo singolo di Anto Paga dicembre 21, 2015
      Dopo il fortunato EP d’esordio “Rap is Dead” (Great Tree Records, 2015), l’artista comasco torna con un brano scritto a quattro mani con Tormento, celebre ex frontman dei Sottotono, che si scaglia con rabbia e sincerità contro l’establishment delle case discografiche e una logica del profitto che ha ridotto la musica a decorso di mode […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • DAP,ecco il suo “Resonances” ottobre 18, 2015
      Resonances è il primo album di DAP (Andrea D’Apolito), giovane cantautore romano dal sound eclettico, di stampo nordeuropeo. L’album ha un sapore folk, indie nella misura in cui è stato prodotto in modo indipendente ed è caratterizzato da arrangiamenti raffinati ma allo stesso tempo altamente fruibili. Mentre il sound distintivo del disco fa da fil […] […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • A Free Mama, la trascinante funk band toscana presenta il suo nuovo disco! ottobre 18, 2015
      Era il dicembre 2012 e gli A Free Mama pubblicavano il loro primo disco omonimo, un album contenente otto tracce registrato nello storico studio Larione10. I sei fiorentini si presentavano così, attraverso una musica che affondava le radici nel funk, con venature rock e dalle chiare influenze acid jazz. Oggi, a tre anni di distanza, […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Il 4 ottobre Danilo Vignola premiato al M.E.I. di Faenza! settembre 30, 2015
      Faenza- Il M.E.I., la più importante manifestazione dedicata alla nuova scena musicale italiana che da oltre vent’anni riunisce tutte le più autorevoli etichette discografiche indipendenti nazionali, sabato 4 ottobre premierà Danilo Vignola. Dopo un sondaggio nazionale su proposta delle etichette discografiche nazionali riunite, il celebre talento riceverà i […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Nick Limongi e il suo esordio con “Tentacoli” settembre 15, 2015
      Il giovane artista calabro-lucano si presenta al pubblico con un lavoro dalla forte matrice rock-grunge, in cui non mancano incursioni nel panorama nu metal ed elettronico. Genere: rock/grunge/nu metal Label: Autoproduzione Distribuzione digitale: TuneCore Soundcloud: https://soundcloud.com/nick-limongi/sets/tentacoli-ep Spotify: https://open.spotify.com/alb […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Pachanga Latina in Italia: ecco ¡Grita La Noche!, nuovo album dei Pedro Navaja SoundMachine. maggio 26, 2015
      Fusione di stili, ritmi e sonorità latinoamericane (dalla cumbia al reggae, dallo ska al raggamuffin, dal tango alla tarantella, dal flamenco al punk rock) nel nuovo album di questa band dai marcati tratti multietnici. genere: pachanga/cumbia/reggae/ska/punk Streaming: http://open.spotify.com/album/3WKmXaQGLY1oGYAsUhUT0P Il sound dei Pedro Navaja (nome che è […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Mom Blaster, il video di “Ciò che è Giusto” maggio 16, 2015
      A due anni dalla pubblicazione del primo album We Can Do It!, il gruppo lancianese torna con un nuovo brano che anticipa il disco previsto per autunno 2015. Genere: rock/elettronica Etichetta: Ridens Records Distribuzione digitale: Zimbalam Streaming:http://open.spotify.com/album/5siq9EhlaIIG4R7bEcH0gI http://www.momblaster.com/singolo/ iTunes:https://itunes […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • No.Ta, il nuovo video “Dimentica” aprile 28, 2015
      Esce il nuovo video estratto dall’album “Siamo Stati Noi”, che anticipa una serie di singoli che vedrà il gruppo rock di stanza a Milano protagonista per tutto il 2015. Genere: Indie/Alt//Rock Distribuzione digitale: Zimbalam NO.TA – Dimentica https://www.youtube.com/watch?v=4gm48bbtMSo È finalmente disponibile il videoclip ufficiale di Dimentica, brano trat […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
    • Sewage: a giugno in Italia per il tour europeo con i The Butchers!! aprile 21, 2015
      I punkers newyorkesi per la prima volta nel nostro paese con una serie di date tra giugno e luglio nelle quali saranno affiancati dal gruppo varesotto. genere: punk-rock Link Streaming Sewage: http://www.reverbnation.com/sewage4 Link Streaming The Butchers: http://open.spotify.com/album/4kDC3tdrxXxU6sv6Iyy0A7 Verrà inaugurato il 5 giugno 2015 @ Lab End di Sa […]
      Blob Agency - Promozione & Booking
  • Aggiornamenti Twitter

  • Rock Community

  • Meta

  • [spreaker user_id=4578234 type=standard width=100% color=c92b00 autoplay=true]